mercoledì 22 aprile 2015

SERVE UN PO' DI "APPLICAZIONE" parte seconda

Non potevo raccontare tutto in una sola volta... ed eccomi qui ancora a condividere con tutti voi la bellissima esperienza fatta lo scorso week-end in Val Pellice, in compagnia di Monica di Le tricot patchwork, e di altre compagne di avventura conosciute direttamente sul posto.
Vite che prima o poi si incrociano per una passione, per la voglia di stare insieme ed imparare.
Per me è stato un fine settimana intenso: voler stare al passo, voler creare, voler capire...
Tornata a casa ,domenica sera, mi sembrava di aver scalato una montagna altissima... ed invece ho creato solo due paesaggi collinari in appliquè!!!


Mi piace leggere libri, purtroppo disponibili solo in lingua inglese, che raccontano storie di quilters, delle loro vite semplici , degli intrecci di amicizie tra donne con la stessa passione, che lavorando insieme per un progetto si aprono, condividono... ebbene io mi sono sentita come in uno di questi libri.. è stato bellissimo.

Dalla serie di Jennifer Chiaverini   : The Cross-Country Quilters

"Jennifer Chiaverini's many readers have been enchanted by Elm Creek Quilt Camp, where women gather each year for quilting, friendship, and fun. The third in the Elm Creek Quilts series introduces the Cross-Country Quilters, a group of far-flung friends who pledge to complete a "challenge quilt" -- symbolic of each woman's personal goals -- in one year's time.

In questi libri emerge comunque anche la passione di chi insegna, di chi organizza i meeting... ed anche qui ho ritrovato proprio tutto!
Monica, Franca, Miranda... che attenzione che passione!
Un fiore all'occhiello!


Ho sorriso quando ad un certo punto del corso tutte noi abbiamo cercato uno spazio adeguato per stendere la nostra coperta, per vederla nell'insieme, per vederla nascere pezzo per pezzo...
chi sul tavolo, chi sotto il tavolo... ogni spazio era buono, l'importante era la visione d'insieme.




un pò come la foto che segue che dà una visione d'insieme, che riassume, come queste esperienze non debbano essere perdute ma rivissute perchè arricchenti sia a livello creativo che umano!
grazie a tutte.



Alla prossima!


Elisa

Nessun commento:

Posta un commento